Renzi: “Fassina chi?” e il viceministro si dimette

Brutta storia per il governo Letta, Renzi e il Partito Democratico, infatti il viceministro dell’economia Fassina ha appena presentato le sue dimissioni irrevocabili al Presidente del Consiglio secondo quanto riferisce l’ANSA.

Il viceministro piddino aveva recentemente fatto presente le proprie intenzioni nel caso la sua proposta di rimpasto del Governo non fosse stata accettata. Durante la sua carica Fassina è stato escluso dalla squadra di lavoro per la stesura della legge di stabilità e ed ha dato l’annuncio in seguito alla conferenza stampa tenuta sabato 4 gennaio da Matteo Renzi, il quale si è trovato in una situazione particolarmente ambigua quando i giornalisti hanno citato Fassina. Varie testate giornalistiche sostengono che il segretario abbia detto: «Fassina chi?» quando in realtà ha detto solo chi perché il giornalista ha pronunciato il nome del viceministro mentre Renzi stesso stava rispondendo. Cliccate QUI per il video sotto e fare le vostre considerazioni.

renzi fassina

Così infatti Fassina spiega le sue dimissioni: «Le parole del segretario Renzi su di me confermano la valutazione politica che ho proposto in questi giorni: la delegazione del Pd al governo va resa coerente con il risultato congressuale. Non c’è nulla di personale. È questione politica. È un dovere lasciare per chi, come me, ha sostenuto un’altra posizione».

Matteo Renzi ha in pochissimo tempo conquistato le prime pagine dei giornali sia per i progetti politici messi in campo poche settimane in seguito alla sua elezione sia per la sua personalità che non passa di certo inosservata negli ambienti piddini. L’astio tra i due continua da tempo tanto che in un intervista a “La Zanzara” Fassina sosteneva che Renzi si fosse trovato a fare il sindaco “per caso”.

Lascia un commento