Berlusconi decaduto da Senatore

Il Senato ha votato sì alla decadenza da parlamentare di Silvio Berlusconi. Dopo varie settimane di attesa, nelle quali non si è fatto altro che parlare di questa faccenda, si è arrivati ad una conclusione. Il leader di FI non potrà più fare parte del Parlamento in seguito alla decisione del Senato, chiamato a votare dopo la sentenza ai danni di Berlusconi a 4 anni di detenzione per frode fiscale nel processo Mediaset.

Prima del verdetto, avvenuto alle 17.42 del 27 novembre, numerosi sostenitori di Forza Italia sono scesi in piazza protestando davanti a palazzo Grazioli. A questa manifestazione, come dichiarato in precedenza, non ha partecipato il Nuovo Centro Destra, partito creatosi dopo la scissione provocata da Alfano nel PDL. E’ salito sul palco anche il leader di FI prima dell’esito delle votazioni, che ora lo vede ostracizzato da palazzo Madama, utilizzando parole forti: “È una giornata di lutto per la democrazia – ha detto -. A partire dal 1994, una magistratura di estrema sinistra si è data come missione la via giudiziaria al socialismo. Persino l’Unità ha accusato certi pm di aver abbracciato le idee estremiste della Br.” Inoltre nomina questa giornata come “giornata di lutto per la democrazia”, ma avverte gli avversari che non si ritirerà poiché esistono alcuni politici che sono a capo dei propri partiti ma non siedono in parlamento, come Renzi e Grillo.

r-BERLUSCONI-DECADENZA-600x275

Questa decadenza però, mi rende perplesso. Mi chiedo se i senatori che oggi si sono recati a votare abbiano votato pensando alla possibilità di diminuire la credibilità di una grandissima personalità politica, che è quella di Berlusconi, oppure abbiano votato informandosi sui fatti e le motivazioni emanate dalla sentenza il giorno della condanna, agendo di conseguenza. Ho svariati dubbi sulla seconda ipotesi e meno sulla prima. Infatti Grillo (m5s) ha subito twittato così commentando la sentenza:”#Berlusconi è decaduto da Senatore. Fuori uno. Ora dobbiamo mandare tutti gli altri a casa” .

Mi viene da pensare che alcuni tra i politici che oggi hanno votato a favore della decadenza lo abbiano fatto solo per togliere di mezzo un importante avversario politico, senza nemmeno pensare al motivo per il quale erano chiamati a votare. Mi piacerebbe un giorno che queste forze politiche riuscissero a sconfiggere Forza Italia e il suo leader alle elezioni, tramite una buona campagna elettorale, senza ricorrere ad un esilio, che giusto o no (probabilmente il processo verrà riaperto), ha tanto il sapore di un tentativo di eliminazione alla vita politica di Silvio Berlusconi.

Le reazioni di Twitter:

 

 

 

Lascia un commento